Pubblicato da: vincos | luglio 19, 2007

Voci dalla blogosfera: Enrico Sola aka Suzukimaruti

Seconda puntata della rubrica “Voci dalla blogosfera” con la quale vorrei cercare di cogliere i pensieri dei blogger italiani attraverso 5 domande fulminanti, tra il serio ed il faceto, ad alcuni di loro.

solaxEcco le risposte di Enrico Sola, meglio conosciuto in rete come Suzukimaruti, che si definisce “un thirtysomething di Torino che per lavoro scrive cose disparate e bazzica con umore variabile gli ambienti della comunicazione”. Io direi brillante scrittore e appassionato conduttore radiofonico. 

– Il blog è morto ?

Assolutamente no, ma sta per fare la fine del marziano di Ennio Flaiano, cioè non fa più notizia. Anzi, per qualcuno – costantemente in ritardo sui tempi che corrono – è una novità frizzantissima: le imprese. Negli ultimi mesi sento solo imprese che ripetono “blogblogblogblogblog…” come un mantra e nascono nuovi blog aziendali a grappoli. C’è gente convinta che le masse accorrano festanti se nasce un blog sulla produzione di profilati metallici o sull’arredobagno. Ogni tanto nasce pure qualche blog aziendale interessante, ma per quanto concerne i blog “civili” direi che il fenomeno ha toccato il limite massimo della sua espansione tramite avanguardie. Magari il numero dei blog crescerà ancora, ma sarà solo una crescita quantitativa: i prime movers sono arrivati tutti.

– Quale sarà la “next big thing” ?

Sono convinto che dopo il Web 2.0, che per di più è una formula un po’ buttata lì e che dice poco, il prossimo fenomeno sarà il Where 2.0 (non a caso O’Reilly ha fiutato la cosa da un paio d’anni). Penso a un sistema che integri e aggreghi la presenza reale – cioè la posizione geografica degli utenti – e quella virtuale, sparsa in decine di blog e derivati. Cioè, io fossi la Nokia mi inventerei un cellulare col GPS (che funziona) e che si integra con i sistemi di micro-blogging tipo Twitter. E mi piacerebbe, per esempio, entrare in una sala conferenza e leggere tutti i “cinguettii” della gente seduta lì dentro, anche se è gente che non ho tra i “friends” di Twitter. Ragionando sul “dove” e tenendo conto che gli utenti si muovono (mentre ora i servizi mobili non distinguono tra gente ferma e in movimento: al massimo sono versioni “leggere” di servizi per persone “ferme”), potrebbero nascere decine di servizi nuovi e assolutamente più vicini alla vita che facciamo.  

– Il blog che manca ossia quale personaggio/azienda ti piacerebbe bloggasse ?

Dopo aver insistito più di un anno affinché Giorgio Valletta aprisse il suo blog www.giorgiovalletta.com (che è di gran lunga il miglior blog musicale italiano e ha un doppio podcast settimanale che è una manna dal cielo per chi ha scoperto che nel 2007 c’è della musica interessante al di là delle compilation di revival Anni Ottanta), credevo di aver saziato i miei desideri blogosferici. Invece mi rendo conto che la vita senza un blog di Luciana Littizzetto è un po’ più triste del solito. Ma mi accontenterei di molto meno: per esempio vedere riaperto Weekendance www.weekendance.com, il blog di Fabio De Luca.

– L’applicazione alla quale non rinunceresti ?

E’ sicuramente Newzie (www.newzie.com): per quanto mi riguarda, il miglior lettore di feed RSS che c’è in giro. Ha il pregio che mette i feed in ordine di aggiornamento e, soprattutto, consente di monitorare anche i siti che non hanno gli RSS. Non chiedetemi come fa, ma funziona. Senza quello, mi perderei tutto il bello della Rete.

Detto questo, non potrei nemmeno vivere senza Word: faccio un lavoro disgraziato per cui produco più di un milione di caratteri l’anno e senza di lui sarei perduto. E dire che ci ho provato ad usare altri word-processor, ma non c’è storia.

– La cosa che ti piace fare di più quando non blogghi ?

Beh, in quanto flaneur  con venature bucoliche la cosa che mi piace fare di più in assoluto è guidare senza meta per la collina torinese con l’autoradio a tutto volume, rigorosamente solo in macchina. Lo faccio più o meno ogni sabato pomeriggio, consapevolissimo che è un hobby improduttivo, inquinante, costoso e pure un po’ da orso. Infatti, come foglia di fico, a fine viaggio scatto un paio di foto brutte con la reflex e mi guardo bene dal pubblicarle. Ma almeno posso dire a mia moglie “esco a fare un po’ di foto”.

– Condividi con noi un link che merita

Il sito del Comune di Robassomero (http://www.comune.robassomero.to.it/).  Robassomero è un piccolo comune vicino a Torino e ha il merito di essere stato il primo Comune Denuclearizzato d’Italia, grazie all’intuizione del suo grande Sindaco di allora.
Però è anche il Comune con il sito più brutto dell’universo, al punto che è diventato una sorta di mito carbonaro online. So di docenti universitari che lo usano da anni come esempio estremo di come NON si fa un sito Web e credo pure che presto sbarcherà su un manuale di Web-design. Pure io lo faccio studiare nei miei corsi, ma come esempio di “entusiasmo tecnologico”: l’euforia data dalla libertà di usare strumenti creativi alla portata di tutti, talvolta genera “mostri”, soprattutto se auto-prodotti.

Personalmente, impazzisco per la pagina d’apertura che si chiama “defolt”.🙂

Technorati tags: , , , ,


Responses

  1. Bellissimo quel sito😀

  2. “Magari il numero dei blog crescerà ancora, ma sarà solo una crescita quantitativa: i prime movers sono arrivati tutti.”

    Questa me pare na strunzata! E pure grossa. Potrebbe essere corretta nell’ottica dell’ autorevolezza sventolata dai prime movers, nelle classifiche autolinkanti e chezzi vari. In ogni caso blog come http://blogs.technet.com/feliciano_intini/default.aspx, possono entrare tranquillamente nell’olimpo blogosferico. ciao

  3. […] Per la serie “non tiriamocela”, le 5 domande che mi ha fatto Vincos e le mie 5 risposte Vincos è un blogger che merita una lettura quotidiana, nonostante il suo titolare abbia deciso di rovinare tutto facendomi un’intervista. (tags: vincos suzukimaruti blog intervista) […]

  4. Caro Alessio “aggery” sono onorato di tanta stima … ti ringrazio! Certo è che se la crescita quantitativa dei blog non è accompagnata da una crescita qualitativa, anche solo dal punto di vista etico/deontologico come ho avuto modo di dire proprio nel post di oggi (http://blogs.technet.com/feliciano_intini/archive/2007/07/24/riduciamo-l-entropia-il-caso-update-root-certificates-di-vista.aspx), mi sa che non andiamo da nessuna parte …

  5. Figurati🙂 Mi sembra riduttivo affermare ci possa essere solo una crescita quantitativa, ovviamente non siamo tutti d’accordo, ci mancherebbe. Mi sembra però un atteggiamento a difesa dell’orticello, non troppo in linea con la rete sociale. Oppure ho frainteso.. Ciao.

  6. In effetti sono stato frainteso: volevo dire un’altra cosa e cioè che la fase di “esplorazione” e di ricerca si è conclusa e ora il blog è un mezzo maturo, percfhé le avanguardie che lo dovevano/volevano esplorare hanno fatto il loro dovere.

    Insomma, non ho scritto che chi ha aperto un blog da poco è per forza un frescone!🙂

  7. il comune di robassomero è uan scoperta di quelle che ti cambiano la giornata🙂
    suz rulez

  8. […] avermi contattato e segnalo l’intervista che ha pubblicato sul suo blog. Prima di me già altri blogger avevano risposto sulle stesse tematiche. Nel confronto si nota qualche interessante […]

  9. […] e servizi che tengano conto della posizione dell’utente. Ne parlavo circa un anno fa in una chiacchierata online con Vincos: mi piacerebbe arrivare in un luogo e capire automaticamente e live chi è lì, chi sta […]


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: